Ultima modifica: 5 Giugno 2019

REGOLAMENTO DI ISTITUTO

PREMESSA

  1. La scuola ha il compito di educare istruendo le nuove generazioni mediante l’apprendimento dei saperi e dei linguaggi culturali di base. Promuove l’acquisizione degli strumenti di pensiero necessari ad apprendere e selezionare le informazioni, la capacità di elaborare metodi e favorisce l’autonomia di pensiero orientando la propria didattica alla costruzione dei saperi a partire dai concreti bisogni formativi.
  2. L’istituzione scolastica è una comunità di dialogo, luogo di incontro e di crescita, nel quale ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione del cittadino, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità individuali e il recupero delle situazioni di svantaggio.
  3. La vita della scuola si fonda sulla libertà di opinione e di espressione, sulla libertà religiosa e sul rispetto di sé e degli altri, generato dalla consapevolezza che esiste un valore intangibile: la dignità di tutti e di ciascuno.
  4. La comunità scolastica interagisce con quella civile e sociale di cui è parte e basa la sua azione educativa sulla qualità della relazione insegnante-studente. Tale relazione vuole riscoprire il significato del processo formativo, attraverso una produzione e riproduzione della cultura nei suoi molteplici aspetti e valori e contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani e al loro senso di responsabilità , autonomia individuale e capacità di scelta.
  5. L’impegno degli operatori della scuola è volto a favorire il successo scolastico e una formazione globale degli allievi in una dimensione di qualità, di acquisizione di competenze, di trasparenza ed assunzione di responsabilità, in stretta collaborazione con le famiglie e con il contesto socioambientale.
  6. Il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.) presenta un organico progetto didattico-organizzativo, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi programmati, alle esigenze di scelte innovative relative all’attuazione della Normativa e dell’Autonomia nei suoi molteplici aspetti.

ORGANI DELL’ISTITUTO

Art. 1 – ORGANI INDIVIDUALI: IL DIRIGENTE SCOLASTICO E GLI ORGANI COLLEGIALI

Il  Dirigente  Scolastico  assicura   la   gestione   unitaria dell’istituzione, ne ha la  legale  rappresentanza,  e’  responsabile della  gestione  delle  risorse  finanziarie  e  strumentali  e   dei risultati del servizio. Nel rispetto delle  competenze  degli  organi collegiali scolastici,  spettano  al  dirigente  scolastico  autonomi poteri di direzione,  di  coordinamento  e  di  valorizzazione  delle risorse umane. In  particolare,  il  dirigente  scolastico  organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e  di  efficacia formative ed e’ titolare delle relazioni sindacali.

Art. 2 – IL CONSIGLIO D’ISTITUTO

Il Consiglio di Istituto, nei limiti delle disponibilità di bilancio e nel rispetto delle scelte didattiche definite dal Collegio dei Docenti, garantisce l’efficacia dell’autonomia dell’Istituzione Scolastica e ha compiti di indirizzo e programmazione delle attività dell’istituzione scolastica. Esso, in particolare su proposta del dirigente scolastico:

  1. Delibera il regolamento relativo al proprio funzionamento.
  2. Definisce gli indirizzi generali per le attività della scuola e le scelte generali di gestione, di amministrazione e di autofinanziamento.
  3. Adotta il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.), elaborato dal Collegio dei Docenti, verificandone la rispondenza agli indirizzi generali definiti dal Consiglio stesso e alla compatibilità rispetto alle risorse umane e finanziarie disponibili.
  4. Approva il bilancio annuale ed il conto consuntivo e stabilisce come impiegare i mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico e per l’acquisto, il rinnovo e la conservazione di tutti i beni necessari alla vita della scuola.
  5. Delibera il regolamento della scuola, che definisce i criteri per l’organizzazione e il funzionamento dell’istituzione, per la partecipazione delle famiglie alle attività della scuola e per la designazione dei responsabili dei servizi; il regolamento della scuola inoltre deve stabilire le modalità:
    1. per l’uso ed il funzionamento degli edifici scolastici, delle attrezzature culturali, didattiche e sportive, della biblioteca;
    2. per la vigilanza degli alunni all’ingresso, durante la permanenza e all’uscita dalla scuola;
    3. per la partecipazione del pubblico alle sedute del consiglio, ai sensi dell’art. 42 del T.U. (cfr. art. 6);
  6. Indica i criteri generali per la formazione delle classi e per l’assegnazione dei docenti alle medesime, per l’adattamento dell’orario delle lezioni e delle attività scolastiche alle condizioni ambientali, e per il coordinamento dei Consigli di Classe e di Interclasse.
  7. Stabilisce i criteri per l’espletamento dei servizi amministrativi su proposta del Collegio dei Docenti.
  8. Approva l’adesione della scuola ad accordi e progetti coerenti con il P.O.F., decide in merito alla partecipazione dell’Istituto ad attività culturali, sportive e ricreative e allo svolgimento di iniziative assistenziali.
  9. Stabilisce gli adattamenti del calendario scolastico in relazione alle esigenze ambientali o derivanti dal P.O.F, nel rispetto delle funzioni in materia di determinazione del calendario scolastico esercitate dalle Regioni a norma dell’articolo 138, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112.
  10. Approva i criteri generali per la programmazione educativa e per la programmazione e l’attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche e extrascolastiche, con particolare riguardo ai corsi di recupero e di sostegno, alle visite guidate e ai viaggi d’istruzione.
  11. Delibera le iniziative dirette all’educazione della salute e alla prevenzione delle tossicodipendenze, previste all’art. 106 del T.U. approvato con D.P.R. n. 309/90 e susseguenti.
  12. Esercita le funzioni in materia di sperimentazione e aggiornamento previste dal Decreto del Presidente della Repubblica dell’8 marzo 1999 N. 275 “Regolamento Autonomia” e dagli articoli 276 e seguenti del decreto legislativo n° 297 del 16 aprile 1994 “ Testo unico delle disposizioni legislative in materia d’istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado”.
  13. Approva la partecipazione della scuola:
    1. ad accordi e convenzioni per il coordinamento di attività di comune interesse che coinvolgono, su progetti determinati, più scuole, enti, associazioni del volontariato e del privato sociale;
    2. a consorzi pubblici (Regione e Enti Locali) e privati per assolvere compiti istituzionali coerenti con il P.O.F. di cui all’articolo 3 del T.U. e per l’acquisizione di servizi e beni che facilitino lo svolgimento dei compiti di carattere formativo.
  14. Si pronuncia su ogni altro argomento attribuito dalle leggi e dai regolamenti e, fatte salve le competenze del Collegio dei Docenti e dei Consigli di Classe e d’Interclasse, ha potere deliberante sull’organizzazione e sulla programmazione dell’attività della scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio, come da Contratto Collettivo Nazionale Integrativo Comparto scuola anni 1998-2001, Articolo 30 c.3 lettera f: “Con il fondo vengono retribuite ….ogni altra attività deliberata dal Consiglio d’Istituto nell’ambito del POF” e successive modificazioni.
  15. Convocazione del Consiglio di Istituto:

Il Consiglio di Istituto è convocato in seduta ordinaria dal suo Presidente, di norma ogni 2 mesi nel periodo da Settembre a Giugno, e si riunisce nei locali della sede dell’Istituto Comprensivo. La prima convocazione del Consiglio di Istituto è disposta dal Dirigente

Scolastico. Il Presidente è tenuto a disporre la convocazione del Consiglio di Istituto su richiesta del Presidente della Giunta Esecutiva o della maggioranza di due terzi dei Consiglieri o del Collegio dei Docenti. La convocazione deve essere effettuata con lettera diretta (“ad personam”) ai singoli Consiglieri e mediante l’affissione all’albo di apposito avviso, con un congruo preavviso – di massima non inferiore ai cinque gg – rispetto alla data delle riunioni. La lettera di convocazione deve indicare gli argomenti all’ordine del giorno da trattare nella seduta. In caso di sedute straordinarie è sufficiente una pubblicazione di tre gg. e in caso di particolare urgenza la convocazione può essere effettuata “ad horas”; in ogni caso, l’affissione all’Albo dell’avviso è adempimento sufficiente per la regolare convocazione del Consiglio. Il Consiglio può iniziare i lavori se sono presenti alla seduta almeno la metà più uno dei componenti in carica. I membri del Consiglio assenti devono darne comunicazione. Coloro i quali non intervengono, senza giustificati motivi, a tre sedute consecutive, decadono dalla carica a norma dell’art.29 del D.P.R. 31/5/74 n.416 e vengono surrogati con le modalità previste dall’articolo 22 del D.P.R. medesimo.

  1. Elezione del Presidente e del Vice-presidente del Consiglio di Istituto

Nella prima seduta, il Consiglio è presieduto dal Dirigente Scolastico ed elegge, tra i rappresentanti dei genitori membri del Consiglio stesso, il proprio Presidente. L’elezione ha luogo a scrutinio segreto e risulta eletto il genitore che abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti rapportata al numero dei componenti del Consiglio. Qualora non si raggiunga detta maggioranza nella prima votazione, il Presidente è eletto a maggioranza relativa dei votanti. A parità di voti è eletto il più anziano di età. Il Consiglio ha facoltà di individuare anche un Vice-Presidente, da votarsi fra i genitori componenti il Consiglio stesso secondo le modalità previste per l’elezione del Presidente, di norma il primo dei non eletti nella votazione di quest’ultimo. La volontà di eleggere un Vice-Presidente deve essere espressa prima del voto.

  1. Programmazione delle attività del Consiglio di Istituto

La Giunta Esecutiva prepara i lavori del Consiglio di Istituto e formula le proposte di sua competenza, attenendosi anche a quanto emerso nel corso dell’ultima riunione del Consiglio stesso e considerando le istanze presentate per iscritto ed in tempo utile dai singoli Consiglieri. Le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei voti dei presenti validamente espressi. In caso di parità prevale il voto del Presidente. Le votazioni sono segrete solo quando riguardano determinate o determinabili persone.

  1. Verbali

Di ogni seduta del Consiglio di Istituto viene redatto processo verbale, firmato da chi ha presieduto e dal Segretario, conservato in apposito registro a pagine numerate. Il verbale di ogni riunione deve essere letto ed approvato all’apertura della seduta successiva. Le proposte di voto avanzate dai Consiglieri devono essere riportate integralmente nel verbale, secondo la formulazione del Consigliere proponente. Il Segretario viene designato dal Presidente. 19. Pubblicità degli atti

La pubblicità degli atti del Consiglio di Istituto, disciplinata dall’art. 27 del D.P.R. 31 maggio 1974 n. 416, deve avvenire mediante l’affissione all’ Albo dell’Istituto della copia integrale – sottoscritta e autenticata dal Segretario del Consiglio – del testo delle deliberazioni adottate dal Consiglio stesso. L’affissione all’albo avviene entro il termine massimo di dieci giorni dalla relativa seduta del Consiglio. La copia delle deliberazioni concernenti singole persone, salvo contraria richiesta dell’interessato, non va esposta all’albo.

  1. Partecipazione alle sedute di altre persone
  2. Il Consiglio di Istituto:
    1. può invitare rappresentanti del Collegio dei Docenti a partecipare a una o più sedute, quando ritiene opportuno conoscerne il parere;
    2. deve regolamentare la partecipazione, in qualità di uditori, di rappresentanti dei genitori o dei docenti di plessi scolastici annessi all’Istituzione Scolastica in forza di processi di dimensionamento avvenuti dopo l’elezione del Consiglio stesso;
  • può accettare la rappresentanza di un delegato designato da ogni Consiglio di Classe/Interclasse, con funzione referente, sulla base di una preventiva richiesta scritta;
  1. può invitare alle sedute un rappresentante degli Enti Locali competenti ogni volta che siano all’Ordine del Giorno argomenti che li coinvolgono;
  2. ha la facoltà di fare intervenire alle riunioni, qualora ne ravvisi la necessità, esperti sulle materie da trattare; qualora le decisioni in merito a particolari argomenti non vengano adottate all’unanimità, è garantita alla minoranza la possibilità di fare intervenire ai lavori esperti di propria scelta;
  3. può invitare alle riunioni, qualora ne ravvisi la necessità, rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori dipendenti ed autonomi operanti sul territorio.
  1. Gli elettori delle componenti del Consiglio di Istituto (docenti, genitori e personale A.T.A.) sono ammessi senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio stesso, purché la capienza dei locali lo consenta e non venga ostacolato l’ordinato svolgimento delle sedute.
  2. Il Presidente del Consiglio di Istituto può a suo insindacabile giudizio, in qualsiasi momento, disporre la non ammissione del pubblico alle riunioni. In ogni caso, per rispetto della riservatezza, non è ammesso il pubblico ogni qualvolta siano in discussione argomenti attinenti singole persone.

EDIFICI SCOLASTICI

Art. 5 – OBBLIGO DELL’ENTE PROPRIETARIO EDIFICI SCOLASTICI

L’Ente proprietario  degli edifici scolastici deve provvedere all’acquisizione dell’agibilità dell’edificio e alla manutenzione del medesimo.

Art. 6 – COPERTURA ASSICURATIVA

La copertura degli infortuni occorsi agli alunni risulta garantita dalle seguenti polizze assicurative:

  • assicurazione Regione Lazio a copertura degli infortuni invalidanti;
  • assicurazione scolastica integrativa a copertura della responsabilità civile (R.C.);
  • assicurazione integrativa a copertura degli infortuni lievi.

Entro tre giorni dall’infortunio, il personale scolastico trasmette alla Direzione una relazione dettagliata, al fine di attivare la procedura assicurativa.

In caso di infortunio in palestra la segnalazione deve essere immediata per consentire di attivare la procedura INAIL entro 48 ore, su presentazione di referto del pronto soccorso.

Questo limite temporale deve essere rispettato anche per gli infortuni del personale scolastico.

Art. 7 – INFORTUNI A SCUOLA

Pur rammentando gli obblighi dell’istituzione scolastica riguardo i pericoli incombenti sugli alunniutenti all’interno della comunità educativa, già enunciati nella comunicazione interna n. 12 del 13 settembre 2013, che risalgono fondamentalmente al dovere di vigilanza sugli stessi, in caso di infortunio si invitano i docenti e tutto il personale a rispettare quanto segue:

 Docenti/Collaboratori scolastici:  

  1. anche se apparentemente di lieve entità, il docente è sempre tenuto a darne immediata segnalazione in segreteria con relazione scritta per l’eventuale inoltro di denuncia alle autorità, agli Enti e alle Compagnia Assicuratrici entro i termini prescritti dalla legge;
  2. in caso di lieve infortunio, i docenti sono tenuti a prestare le prime cure di pronto soccorso, utilizzando a tale scopo i prodotti posti nelle apposite cassette in dotazione a ciascun plesso (segnalando alla segreteria l’eventuale esaurimento scorte);
  3. in caso di improvviso malore di un alunno/a, l’insegnante dovrà tempestivamente avvertire la famiglia che dovrà provvedere al prelievo del/la figlio/a. Qualora le figure parentali non fossero reperibili, la scuola attiva un servizio di assistenza tramite chiamata 118 pronto intervento o servizio gratuito di ambulanza ;
  4. indossare guanti monouso ogni qualvolta si trovino a dover prestare le prime cure ad un alunno a seguito di malessere o infortunio, evitando ogni contatto diretto con liquidi organici (sangue e secrezioni);
  5. i guanti forniti dalla scuola saranno in dotazione con la cassetta del primo soccorso

(segnalando alla segreteria l’eventuale esaurimento scorte);

  1. i docenti dovranno altresì assicurarsi, in caso di perdite di sangue o altro liquido organico, che tutte le superfici sporche vengano pulite dal personale ausiliario con comune prodotto disinfettante;
  2. qualora si verifichi in aula un malore o un infortunio con dispersione di sangue o altre secrezioni, è necessario che la scolaresca sia allontanata temporaneamente finché il personale ausiliario non abbia provveduto ad una approfondita pulizia con disinfettante;
  3. si ricorda a tutto il personale docente e non docente che è vietato somministrare agli alunni prodotti medicinali o altro se non debitamente autorizzati secondo la procedura adottata dalla scuola (si rinvia al punto 5);

Il personale addetto al primo soccorso deve periodicamente (ogni settimana) verificare che il contenuto delle cassette del pronto soccorso e provvedere (tramite il DSGA) a reintegrare il materiale terminato, deteriorato o scaduto.

Segreteria:  

  • Trascrivere gli infortuni anche di un solo giorno sul registro apposito in attesa che a tale procedura sia sostituita la dichiarazione all’INAIL a fini statistici ;
  • denunciare all’INAIL l’infortunio non guaribile in 3 giorni (fa fede il certificato medico o del Pronto Soccorso), entro 48 ore dalla comunicazione del fatto;
  • denunciare all’autorità di Pubblica Sicurezza l’infortunio non guaribile in 3 giorni (come sopra).
  • Denunciare via fax o ricorrendo a telegramma entro 24 h i casi di gravissima entità che comportano il rischio di morte

Ne consegue che, in caso di infortunio occorso ad un alunno o ad un docente/Ata durante l’orario scolastico, si debbono inoltrare agli uffici amministrativi:

  1. da parte del/i docente/i-collaboratori scolastici presenti al fatto, per iscritto, immediatamente, una relazione contenente la descrizione dell’infortunio e altri dati utili;
  2. eventuali dichiarazioni spontanee di alunni o testimoni;
  3. certificato del Pronto Soccorso o altro certificato medico.

Qualora l’infortunio avesse luogo il venerdì e l’infortunato fosse accompagnato dal medico o al pronto soccorso da terzi, sollecitare la consegna della certificazione medica per il lunedì immediatamente successivo .

In caso di inosservanza della suddetta procedura le sanzioni pecuniarie sono elevatissime; si invita, perciò, al massimo scrupolo nell’osservare i tempi descritti. Nel caso di evento dannoso che occorra all’alunno o che questi provochi verso compagni o terzi, spetta all’insegnante provare di non aver potuto impedire il fatto, Nel verbale le insegnanti addette alla vigilanza dovranno specificare:

  • la presenza vigile tra i propri alunni al momento in cui l’evento si è verificato;
  • le misure di tipo precauzionale poste in atto preventivamente per prevenire il verificarsi di incidenti e danni agli allievi;
  • l’abitudine ad attuare una sorveglianza costante ed assidua, secondo le modalità imposte dal dovere di vigilanza nel servizio.

Nell’eventualità di un incidente è opportuno considerare prioritaria la salute dell’alunno, prestargli cure immediate, se necessario chiamare la CRI, avvertire i genitori. Ciò deve avvenire nel rispetto degli obblighi di sorveglianza verso gli altri alunni.

In caso di infortunio occorso agli alunni per il quale è stato inoltrato all’Ufficio du Direzione il certificato medico del Pronto Soccorso (o altro certificato medico) e si è effettuata denuncia all’INAIL o all’autorità di P.S. (infortunio non guaribile in 3 giorni), non è consentita la riammissione a scuola se anticipata rispetto alla prognosi medica. L’ammissione alla frequenza delle attività scolastiche è possibile qualora i genitori presentino certificato medico di guarigione rilasciato dal medico curante/pediatra di base. All’occorrenza, i docenti richiedano  e consegnino in direzione il citato certificato di guarigione.

Art. 8 – SOMMINISTRAZIONE FARMACI

In caso di somministrazione di farmaci a studenti ci si attiene alle “Linee guida per la definizione degli interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico, al fine di tutelarne il diritto allo studio, la salute ed il benessere all’interno della struttura scolastica” e al Regolamento per la Somministrazione Farmaci in Orario Scolastico approvato con delibera del Consiglio d’Istituto il 31/10/2013.

Questi i punti fondamentali:

  1. la somministrazione deve avvenire sulla base delle autorizzazioni specifiche rilasciate dal competente servizio della ASL;
  2. in ambito scolastico possono essere somministrati solamente quei farmaci per i quali la somministrazione non può avvenire al di fuori dell’orario scolastico;
  3. la somministrazione non deve richiedere il possesso di cognizioni specialistiche né l’esercizio di discrezionalità tecnica dell’adulto;
  4. la somministrazione deve essere richiesta FORMALMENTE AL DIRIGENTE SCOLASTICO da chi esercita la potestà sul minore a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia e la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia).

Il Dirigente Scolastico a seguito della richiesta scritta:

  • individua luogo fisico idoneo per la conservazione dei farmaci;
  • concede, ove richiesta, l’autorizzazione all’accesso ai locali scolastici ai genitori o a loro delegati, per la somministrazione in parola;
  • verifica la disponibilità degli operatori scolastici in servizio (docenti o personale ATA che abbia seguito il corso di primo soccorso di cui al D.Lgs 81/2008) a garantire la continuità della somministrazione ove non già autorizzata ai genitori o loro delegati.

Il Personale scolastico docente e non docente deve attenersi a quanto segue:

  1. il personale scolastico non somministra normalmente farmaci ai bambini (per es. colliri, antibiotici, antimicotici, vitamine, antistaminici per punture di insetti, sciroppi per la tosse, ecc);
  2. i docenti non possono prendere in consegna farmaci dai genitori se non debitamente autorizzati dalla dirigenza;
  3. gli alunni non possono conservare autonomamente qualsiasi tipo di farmaco, in quanto è proibita l’auto somministrazione (salvo casi particolari e debitamente autorizzati dal Dirigente

Scolastico);

  1. l’auto somministrazione o la somministrazione dei farmaci è prevista solo in situazioni particolari e deve essere obbligatoriamente richiesta dal genitore o dal tutore al Dirigente scolastico sempre unitamente alla prescrizione del medico curante o specialista. Solo in tal caso i genitori possono consegnare agli operatori scolastici il farmaco, sia per la sicura conservazione dello stesso che per la tutela di tutti gli alunni.

I Genitori interessati possono ritirare presso la segreteria della sede centrale i moduli predisposti per la richiesta al Dirigente Scolastico di somministrazione o auto somministrazione dei farmaci secondo la procedura sotto elencata:

  1. i genitori ritirano in segreteria tutta la modulistica per la richiesta di somministrazione del farmaco;
  2. consegnano la modulistica debitamente compilata, allegando la prescrizione del Pediatra o del Medico, al Dirigente Scolastico dell’Istituto;
  3. il Dirigente Scolastico valuta la sussistenza dei requisiti necessari per rispondere positivamente alla richiesta (disponibilità: del personale, dei sistemi di conservazione del farmaco, di un locale adatto alla somministrazione in condizioni igienicamente corrette).

È comunque opportuno che i genitori:

  • segnalino eventuali allergie;
  • forniscano in segreteria e ai docenti di classe tutti i numeri di telefono della sede di reperimento in caso di urgenza.

Per tutte le situazioni di emergenza si conferma la prescrizione del ricorso al Sistema Sanitario di Urgenza ed Emergenza – 118.

Occorre comunque sottolineare a tutto il personale scolastico che esiste un obbligo di assistenza per tutte le situazioni che implicano un rischio di vita e che tale obbligo prescinde dalle competenze professionali o dal ruolo istituzionale svolto.

Pertanto in caso di immediato pericolo di vita, tutto il personale deve intervenire tempestivamente e non può esimersi dalla somministrazione del farmaco salvavita (micropan) in quanto ciò si verrebbe a configurare come un reato di omissione di soccorso. (art. 593 del Codice Penale ).

Per maggiori chiarimenti si rinvia Regolamento sulla Somministrazione dei Farmaci a scuola visionabile sul sito della scuola. (www.scuolagiovanniventitreesimo.it)

Art. 9 – VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

I viaggi di istruzione e le visite guidate sono disciplinati dal Regolamento delle Uscite Didattiche approvato dal Collegio dei docenti e dal Consiglio d’Istituto.

STUDENTI

Art. 10 – DIRITTI DEGLI STUDENTI

Lo studente ha diritto ad una  formazione  culturale  qualificata  che  rispetti  e valorizzi – anche attraverso l’orientamento – l’identità della persona e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola persegue la continuità dell’apprendimento e valorizza le inclinazioni dell’allievo. La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto del ragazzo alla riservatezza.

L’allievo ha diritto ad una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca ad individuare i propri punti di forza e di debolezza ed a migliorare il proprio rendimento.

Gli studenti con le famiglie esercitano il diritto di scelta fra le attività aggiuntive, opzionali e facoltative offerte dalla scuola ed esplicitate in un Piano dell’Offerta Formativa che rappresenta il documento programmatico annuale dell’Istituto. Le attività didattiche, integrative e complementari sono organizzate secondo tempi e modalità che tengono conto dei ritmi d’apprendimento dei ragazzi.

L’allievo ha il diritto di segnalare immediatamente al coordinatore o a qualsiasi membro del Consiglio di classe eventuali situazioni di disagio.

Gli studenti stranieri hanno diritto al rispetto della vita culturale e religiosa della comunità alla quale appartengono. La scuola promuove e favorisce iniziative volte all’accoglienza della loro cultura e alla realizzazione di progetti ed attività interculturali.

La scuola si impegna ad assicurare e favorire:

  • un ambiente attento alla crescita della persona;
  • un Piano di Offerta Formativa programmato annualmente, con attività curriculari, integrative ed extracurriculari;
  • la realizzazione di progetti ispirati ad un’idea formativa unitaria, per garantire il successo scolastico e l’affermazione di attitudini e competenze nelle varie aree disciplinari;
  • la partecipazione consapevole degli allievi alla vita della scuola, attraverso spazi di discussione e critica nei quali gli alunni potranno formulare richieste di interesse collettivo da sottoporre agli Organi di Istituto;
  • i servizi di sostegno, di promozione della salute e di assistenza psicologica;
  • le iniziative concrete per il recupero di situazioni di svantaggio e di ritardo, nonché per la prevenzione della dispersione scolastica;
  • la salubrità e la sicurezza degli ambienti;
  • l’uso di nuove tecnologie come sussidi didattici e di formazione;
  • un’informazione chiara e completa sul funzionamento della scuola, sugli obiettivi formativi, sulle programmazioni didattiche, sui criteri di valutazione e sui contenuti dei singoli insegnamenti, anche attraverso i più moderni mezzi di comunicazione.

 

Art. 11 – DOVERI DEGLI STUDENTI

  • Tutti gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente e con puntualità le lezioni, partecipare alle attività proposte con spirito costruttivo, impegnarsi con continuità rispettando le norme e l’ambiente scolastico;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a conoscere i principali Diritti e Doveri della Convivenza Civile quale modello etico per il futuro cittadino;
  • nell’esercizio dei loro diritti e nell’adempimento dei loro doveri, Tutti gli studenti sono tenuti a mantenere un comportamento corretto e coerente con i principi di cui all’art.1;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dal presente Regolamento di Istituto e dal Piano dell’Offerta Formativa;
  • Tutti gli studenti sono tenuti ad avere rispetto per l’Istituzione-Scuola, per il personale tutto e per i compagni;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a venire a scuola con i compiti eseguiti, il diario, i quaderni, i libri, il materiale necessario per le lezioni, tuta e scarpe da ginnastica per l’educazione fisica, evitando l’intervento dei familiari;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a tenere sempre aggiornato ed in ordine il proprio diario e trascrivere su un apposito quaderno comunicazioni e circolari interne della Presidenza che la famiglia è tenuta a controfirmare sollecitamente;
  • analogamente a quanto disposto nell’art. 5, comma 1, dopo il terzo riscontro della mancata firma, l’alunno dovrà essere accompagnato da un genitore;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a riconsegnare nei tempi previsti i libri della biblioteca ed altro materiale di proprietà della scuola;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a non portare a scuola oggetti estranei all’uso scolastico o che possano recare danno a sé o ad altri;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a non uscire dall’aula durante il cambio delle lezioni o in assenza del docente; non spostarsi senza autorizzazione da un piano all’altro dell’edificio, per evidenti motivi di sicurezza;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a utilizzare correttamente le strutture, gli arredi, le attrezzature, i sussidi audiovisivi e didattici, per non recare danno al patrimonio della scuola;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a adottare un abbigliamento consono alla dignità della persona e della scuola;
  • Tutti gli studenti sono tenuti a mantenere nelle strade immediatamente adiacenti l’edificio scolastico un comportamento adeguato alle regole del vivere civile, nel rispetto di se stessi, degli altri e dell’ambiente circostante (con particolare riguardo al decoro urbano e alla tranquillità e sicurezza degli abitanti del quartiere).

 

Art. 12 – INGRESSO E USCITA DALLA SCUOLA

L’ingresso degli alunni avviene dal cancello di Via Garibaldi alle ore 08.00 in ordine e senza sostare nei corridoi e per le scale.

Non sono ammessi ritardi se non in casi eccezionali. L’alunno è ammesso in classe fino alle ore 8.10. Dopo le ore 8.15 l’alunno ritardatario sarà ammesso a scuola solo se accompagnato da un genitore, previa comunicazione e registrazione del ritardo presso il gabbiotto dei collaboratori scolastici. I ritardi frequenti saranno segnalati in presidenza ed incideranno sul voto di condotta.

Al termine delle lezioni, gli alunni, in fila per due, sono accompagnati dall’insegnante sino al cancello di uscita di via Garibaldi. All’uscita, gli alunni devono osservare un comportamento corretto e disciplinato sia all’interno dell’Istituto sia nelle sue immediate vicinanze, evitando di intralciare il traffico e di costituire pericolo per se stessi e per gli altri.

 

Art. 13 – USCITE ANTICIPATE ED ENTRATE POSTICIPATE

Nel caso ricorrano motivi d’urgenza o di necessità inderogabile, gli alunni possono essere prelevati solamente dai genitori responsabili o da persona maggiorenne, formalmente delegata all’inizio dell’anno scolastico  e munita di valido documento di riconoscimento, salvo situazioni particolari da segnalare tempestivamente in Presidenza. La richiesta di uscita anticipata, autorizzata dal personale preposto, sarà presentata all’insegnante della classe.

È altresì consentita l’entrata posticipata, solo per seri motivi, purché regolarmente giustificata dal genitore sull’apposito libretto e comunque non oltre la seconda ora di lezione.

 

Art. 14  – ASSENZE

I genitori degli alunni sono tenuti a giustificare le assenze o i ritardi dei propri figli mediante apposito libretto, debitamente firmato dal genitore la cui firma è depositata in Segreteria. La giustificazione deve essere consegnata puntualmente il giorno del rientro a scuola. Qualora la giustificazione non venga prodotta nei giorni successivi, l’alunno deve essere giustificato personalmente da un genitore; ove ciò non accada, la famiglia sarà contattata dalla Segreteria scolastica.

Nel caso i genitori debbano allontanarsi dalla città per un prolungato periodo, sono tenuti a comunicare per iscritto alla scuola le generalità della persona da loro delegata alla firma delle giustificazioni, delle circolari, dei permessi di uscita anticipata e di entrata posticipata.

Le visite a musei, le attività teatrali, le visite guidate e di istruzione rientrano a pieno titolo nelle attività scolastiche del POF e pertanto la non partecipazione deve essere giustificata.

Per assenze superiori a cinque giorni (i giorni festivi che precedono, seguono o si frappongono tra i giorni di assenza sono considerati giorni di malattia), oltre alla giustificazione relativa, deve essere esibito un certificato medico secondo le modalità stabilite dalla ASL. In assenza di certificato medico, l’alunno non potrà essere ammesso in classe e dovrà essere prelevato dai genitori, opportunamente convocati. La stessa modalità è applicata per quanto riguarda settimane bianche o periodi di vacanza.

Le assenze dei giorni coincidenti con gli eventuali scioperi del personale della scuola saranno giustificate con le stesse modalità.

Per problemi concernenti ripetute e prolungate assenze la scuola convocherà le famiglie per i chiarimenti del caso.

Tutti i genitori sono tenuti a comunicare all’atto dell’iscrizione i recapiti dove potranno essere reperiti in caso di urgente necessità ed eventuali cambiamenti (numero telefonico dell’abitazione, degli uffici e dei cellulari).

 

Art. 15  – USO DEL TELEFONO E NUOVI MEDIA

È severamente proibito agli alunni utilizzare nell’edificio scolastico apparecchi di telefonia mobile e qualunque altro dispositivo elettronico (videotelefonini, apparecchi con macchina fotografica integrata, ecc), se non esplicitamente autorizzato dal docente. Il cellulare portato in classe, in casi eccezionali e di motivata necessità, dovrà comunque restare spento all’interno dell’edificio scolastico. E’ sconsigliato portare a scuola oggetti di valore.

Si ricorda che l’uso dei social network e di altri strumenti di comunicazione via web è monitorato dalla Polizia Postale e dal Garante della Privacy. In via generale l’alunno si dovrebbe astenere dal pubblicare informazioni personali, commenti riconducibili a fatti e persone correlate all’ambito scolastico, foto relative ad altri senza il loro consenso. In questo caso si possono rischiare anche sanzioni penali.

 

Art. 16 – INDICAZIONI PER I GENITORI

Per l’efficacia del regolamento è necessaria la collaborazione della famiglia che ha la primaria responsabilità dei figli (nel pieno spirito dell’art. 3 della Costituzione Italiana).

Per motivi di sicurezza e di intralcio alla viabilità i genitori sono tenuti a non sostare davanti al portone di via Garibaldi, con le auto o a piedi, al fine di non ostacolare l’entrata e l’uscita degli alunni della scuola.

Per educare i ragazzi ad una maggiore autonomia e al rispetto del lavoro di tutti,  i familiari  devono assolutamente evitare di portare materiale dimenticato dagli alunni e sollecitarli a un miglior senso di responsabilità.

 

Art. 17 – DISCIPLINA E IMPUGNAZIONI

I provvedimenti disciplinari rientrano nella normativa del citato D.P.R. n. 249 del 24.06.1998 e del c.d. Testo  Unico delle disposizioni legislative in materia di  istruzione n.297/1994.

I provvedimenti hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all’interno della comunità scolastica. Il Consiglio di Classe è chiamato a decidere particolari sanzioni disciplinari nell’ambito di tutte le attività formative curriculari, integrative, parascolastiche ed extra-scolastiche.

La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato invitato prima ad esporre le proprie ragioni.

In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente, né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente e rispettosamente manifestata e non lesiva dell’altrui persona.

Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate all’infrazione disciplinare e ispirate, per quanto possibile, alla riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dell’allievo. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica.

Inoltre:

  • l’alunno che, durante le visite didattiche, disturbi con il suo comportamento lo svolgimento delle attività della classe può essere escluso dalle visite successive per decisione del Consiglio di Classe;
  • l’alunno che sia riconosciuto dolosamente responsabile di danneggiamenti alle strutture, alle suppellettili e alle attrezzature didattiche è tenuto a risarcire il danno secondo il valore inventariale o la stima inventariale dell’ufficio di Presidenza;
  • nel caso che il responsabile o i responsabili non vengano individuati, è la classe, come gruppo sociale, ad assumere l’onere del risarcimento e ciò relativamente agli spazi occupati dalla stessa nella sua attività didattica;
  • per gli atti vandalici compiuti negli spazi comuni e nell’impossibilità di accertare i responsabili è la comunità degli alunni, nel suo insieme, a risarcire il danno nei modi e nei tempi stabiliti dal Consiglio di Classe o dal Consiglio d’Istituto nei casi più gravi.

Tenuto conto di quanto sopra enunciato, in caso di inosservanza, vengono adottati i seguenti provvedimenti disciplinari, previsti dalla normativa:

  1. ammonizione dell’insegnante sul diario;
  2. ammonizione dell’insegnante sul Registro di Classe;
  3. ammonizione del coordinatore del Consiglio di Classe sul diario;
  4. convocazione formale dei genitori da parte del coordinatore del Consiglio di Classe;
  5. ammonizione della Presidenza;
  6. ammonizione della Presidenza con deplorazione e convocazione formale dei genitori;
  7. sospensione dalle lezioni, con obbligo di frequenza, ad opera del Dirigente Scolastico e/o del

Consiglio di Classe, con convocazione delle famiglie degli alunni coinvolti;

  1. temporaneo allontanamento dell’alunno (sospensione) per un massimo di cinque giorni, disposto solo in casi di gravi, dal Consiglio di Classe, presieduto dal Capo d’Istituto. Tale periodo di allontanamento deve prevedere uno stretto rapporto fra l’alunno, i suoi genitori ed i docenti, al fine di non interrompere l’impegno formativo.

Contro la decisione del Consiglio di Classe di cui al punto 8)  è ammesso ricorso, da parte dei genitori, entro quindici giorni dalla comunicazione formale del provvedimento, ad un apposito Organo di Garanzia interno, presieduto dal Dirigente Scolastico, di cui fanno parte due docenti ed un genitore.

 

ART. 18 – DISPOSIZIONI FINALI

Il presente Regolamento si pone come strumento aperto e flessibile nel tempo, attento ai cambiamenti dell’attuale sistema scolastico e alle possibili variazioni. Pertanto le regole contenute si applicano fino a quando non intervengano, nelle singole materie, disposizioni modificative enunciate da nuove norme di legge e nel Piano dell’Offerta Formativa della scuola.

 

ART. 19 – PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

Il Patto Educativo di Corresponsabilità viene sottoscritto dal genitore all’inizio dell’anno scolastico.

L’art. 5 bis del D.P.R. 235/2007 ha introdotto il “PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’” quale impegno congiunto scuola-famiglia, da formalizzare sottoscrivendolo, che vincola i principali attori dell’impresa educativa, scuola e famiglia appunto, in alcune condizioni-base per il successo formativo.

Il genitore/ affidatario e il Dirigente Scolastico preso atto che :

  • la formazione e l’educazione sono processi continui che richiedono la cooperazione dell’alunno, della scuola, della famiglia e dell’intera comunità scolastica ;
  • la scuola non è soltanto il luogo in cui si realizza l’apprendimento ma una comunità organizzata dotata di risorse umane, tempi, organismi ecc. che necessitano di interventi complessi di gestione, ottimizzazione, conservazione, partecipazione e rispetto dei regolamenti; sottoscrivono il seguente patto educativo di corresponsabilità con il quale:

LA SCUOLA SI IMPEGNA A :

  • fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralità delle idee, nel rispetto dell’identità di ciascuno studente;
  • offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona e al processo di

formazione di ciascuno studente, nel rispetto dei suoi ritmi e tempi di apprendimento;

  • offrire iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio al fine di

favorire il successo formativo oltre a promuovere il merito e incentivare le situazioni di eccellenza;

  • favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza e integrazione degli studenti stranieri anche attraverso la realizzazione di iniziative interculturali, nel rispetto della loro vita culturale e religiosa;
  • garantire la massima trasparenza nelle valutazioni e nelle comunicazioni mantenendo un costante rapporto con le famiglie.

LO STUDENTE SI IMPEGNA A:

  • prendere coscienza dei propri diritti-doveri rispettando la scuola intesa come insieme di persone, ambienti, attrezzature;
  • frequentare regolarmente le lezioni e impegnarsi in modo responsabile nell’esecuzione dei compiti richiesti;
  • mantenere un comportamento corretto e avere nei confronti del capo di istituto, dei

docenti, del personale tutto della scuola e dei compagni lo stesso rispetto che chiede per se stesso;  osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dal regolamento di istituto;

  • utilizzare correttamente strutture, macchinari e sussidi didattici e a comportarsi in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola.

LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A:

  • valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise, oltre ad un atteggiamento di reciproca collaborazione con i docenti;
  • rispettare l’istituzione scolastica, favorendo un’assidua frequenza dei propri figli alle lezioni, partecipando attivamente agli organismi collegiali e controllando quotidianamente le comunicazioni provenienti dalla scuola, i compiti e le lezioni.
  • discutere, presentare e condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto e il regolamento d’istituto e a sollecitarne l’osservanza da parte del figlio/a.
  • si impegna a riprendere il proprio figlio a scuola.

Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente patto è consapevole che:

  1. le infrazioni disciplinari da parte dell’alunno possono dar luogo a sanzioni disciplinari;
  2. nell’eventualità di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno
  3. il regolamento d’istituto disciplina le modalità d’irrogazione delle sanzioni disciplinari e d’impugnazione
  4. in caso di totale o parziale inosservanza dei diritti-doveri previsti nel presente patto si attua una procedura di composizione obbligatoria che comprende:
    • segnalazione di inadempienza, tramite “avviso”, se prodotta dalla scuola, o “reclamo”, se prodotta dal genitore/affidatario; tale segnalazione può essere sia in forma orale che scritta
    • accertamento; una volta prodotto l’avviso o il reclamo, ove il fatto segnalato non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato ad accertare o verificare le circostanze segnalate
    • ripristino; in seguito a tali accertamenti, il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato ad intraprendere ogni opportuna iniziativa volta ad eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze
    • informazione, il ricevente è obbligato ad informare l’emittente tanto sugli esiti degli accertamenti che sulle eventuali misure di ripristino adottate.

 

ART. 20 – ORGANO DI GARANZIA

L’Organo di garanzia dell’Istituto è composto dal Dirigente scolastico che lo presiede, da due docenti, da due rappresentanti dei genitori.

I componenti, con i relativi supplenti, vengono così designati:

i due insegnanti dal Consiglio di Istituto    i genitori elettinel consiglio di Istituto

I membri dell’Organo di garanzia, ad eccezione del Dirigente scolastico, non devono far parte dell’organo che ha irrogato la sanzione.

I membri supplenti subentrano nei casi di dimissioni, di incompatibilità (il docente che ha irrogato la sanzione) o di dovere di astensione (il genitore dello studente destinatario del provvedimento) dei titolari.

L’Organo di garanzia, entro dieci giorni dalla presentazione del ricorso, si riunisce e provvede a decidere sullo stesso in via definitiva con deliberazione motivata. È tenuto ad sentire le parti interessate e a valutare tutti gli elementi utili a disposizione.

Trascorso tale termine senza che l’Organo abbia deciso, la sanzione si intende confermata.

Per la validità della seduta è richiesta la presenza del Dirigente scolastico e di almeno altri due componenti.

Le decisioni sono prese a maggioranza dei presenti, in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Il voto relativo al ricorso è segreto e non ne è consentita l’astensione.

L’Organo di garanzia, su richiesta di chiunque vi abbia interesse, decide anche sui conflitti che sorgono in merito all’applicazione e all’interpretazione sia dei regolamenti ministeriali in materia, sia del regolamento disciplinare.

L’Organo di garanzia, che rimane in carica un anno scolastico, delibera i criteri dello svolgimento dei propri lavori e tiene il verbale delle riunioni e delle decisioni.

Scarica i documenti in formato PDF

Documenti disponibili:
Regolamento di Istituto
 Regolamento di Istituto sulla somministrazione dei farmaci in orario scolastico 
Regolamento per  l’introduzione e il consumo di alimenti ad uso collettivo nella scuola
 Tutela alla salute e alla cura degli allievi
 Patto di corresponsabilità
 Organo di Garanzia
 Regolamento pasto domestico a.s. 2017-2018
Documento di valutazione d’Istituto